logo MyPortal
Inizio pagina Salta ai contenuti

Città di Thiene

Provincia Vicenza - Regione del Veneto


Contenuto

Calendario

Calendario eventi
« Agosto  2022 »
Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
1 2 3 4 5 6 7
8 9 10 11 12 13 14
15 16 17 18 19 20 21
22 23 24 25 26 27 28
29 30 31     
       

Comunicato

Comunicato

Comune:

Thiene

Data:

21/12/2020 00:00

Oggetto:

L’ordinanza del Sindaco: fino al 15 gennaio divieto di fumo in Centro Storico

Descrizione:

A partire da questo fine settimana e fino al 15 gennaio 2021 viene introdotto in tutto il Centro Storico cittadino il divieto di fumare mentre si passeggia.

A stabilirlo è l’ordinanza emessa oggi dal Sindaco, Giovanni Casarotto,

«Ho notato che anche nello scorso fine settimana – dichiara il Sindaco, Giovanni Casarotto – molte persone che sono abituate a fumare durante la passeggiata in centro storico, se hanno la sigaretta accesa, mantengono la mascherina abbassata anche in presenza di situazioni che non garantiscono un distanziamento sufficiente con gli altri cittadini che analogamente stanno percorrendo la stessa area. Questo comportamento crea un pericoloso precedente perché potrebbe essere anche fonte di contagio in quanto non garantisce tra le persone che si incrociano il distanziamento interpersonale di almeno un metro».

L’area del Centro Storico in cui si estende il divieto è pubblicata, assieme all’ordinanza, sul sito istituzionale del Comune.

«Nella stessa ordinanza – continua Casarotto – ho anche introdotto il divieto, durante il periodo delle festività natalizie e di fine anno, di effettuare l'accensione e i lanci di fuochi d'artificio, lo sparo di petardi, lo scoppio di mortaretti, razzi e altri artifici pirotecnici sulla pubblica via, nelle piazze, nei parchi comunali e in tutti i luoghi pubblici frequentati dai cittadini. Anche da questo comportamento, infatti, potrebbe conseguirne rischio di diffusione del virus a motivo degli assembramenti che si potrebbero formare».

«Colgo anche l’occasione – è l’appello di Casarotto – per invitare gli amanti dei botti e simili ad utilizzarli o nei loro giardini privati o in aree non pubbliche e a riservare attenzione nei confronti dei nostri amici a quattro zampe, che sono sempre molto spaventati da questi rumori. Anche questo sarebbe un segno di civiltà».

 

 

Allegati Comunicati Stampa